Storie per gioco fra le scrasce

Screenshot_2015-09-29-12-45-17-1 Foto di Maria Luisa Viva

C’era una volta…una bionda fatina che aveva da attraversare un territorio…pieno di scrasce.
Non aveva paura, era intrepida e fiduciosa, per Lei il mondo era fatto tutto di “creature” sorelle.
Nel mentre andava gentile e sorridente, incontrò la magica pianta che l’avrebbe aiutata ad affrontare i pericoli della vita…

La nostra eroina si incantò a guardarla, la sentiva fraterna (eh sì perché non esiste il corrispettivo femminile di questo aggettivo).
Sfiorò le sue foglie e non si punse, vide i fiori così belli,  così fuori stagione, guardò i frutti da vicino, con sguardo miope anche se miope non era.
Sembravano belli e buoni ma Lei non li assaggiò, rispettosa qual era, li fotografò solamente.
Nel mentre era lì incantata a guardare, una farfalla sfacciata le passò davanti e si andò a posare su un fiorellino là più in alto

La farfalla era proprio sfacciata, entrava con la sua proboscide in ogni piccolo fiore, oppure sostava a lungo sulle more molto mature.
La nostra fatina era meravigliata di tanta intraprendenza, fece un gesto brusco per allontanarla e…

…fece un gesto brusco per allontanarla e si fece un graffio sul dorso della mano. Caddero piccolissime stille di rosso sangue sulle foglie del rovo e la cara amica ebbe un piccolo smarrimento. Le scrasce, che in quel tratto erano proprio fitte, la sostennero e lei si ritrovò avviluppata in esse, quasi fosse scrascia pur ella. Guardava passare sopra di sé le nuvole, erano belle, vaporose come i suoi capelli d’oro che una brezza gentile aveva scompigliato quel tanto da farla sembrare una ragazzina. Le solleticava il naso un getto nuovo di rovo che si dondolava al vento, starnutì e si ritrovò libera dall’abbraccio gentile delle scrasce.
Ebbe fame ora che aveva ripreso vigore, si guardò attorno e vide un grappolo di more mature, grasse e scure, lucide e belle, lavate dalla pioggia del giorno prima. Ne portò alle labbra una, presa piano con sole due dita, ne sentì la dolcezza che un pò urticava la lingua, ne prese ancora una e poi un’altra fino a che il grappolino gliene offriva. Si allontanò contenta con quel buon sapore in bocca e le mani rese scure del dolce succo delle more.

Wilma Vedruccio Settembre 2015

Questa voce è stata pubblicata in Pensieri in volo. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Storie per gioco fra le scrasce

  1. remo scrive:

    In brevi tratti ognuno di noi può essersi trovato in un particolare di questa luminosa scena di fine agosto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *