Tra acqua,foglie e vento

    L’amore per il paesaggio è come un lievito, diceva Wilma catturando immagini dei luoghi che la circondavano, di quelli che attraversava e di quelli che andava a cercare. Non le sfuggivano quegli alberi che segnavano lo spazio visivo, quelli maltrattati, quelli che erano lì da sempre mentre attraversava un tratturo, una strada provinciale.

Gli olmi di Borgagne, Wilma Vedruccio

 

 

Un eucalipto offeso dal fuoco, Wilma Vedruccio

Condivideva con gioia l’identificazione di una pianta selvatica.

 

ph W. Vedruccio
ph W. Vedruccio

 

 

 

Scrutava  la bellezza e la varietà della natura ascoltando il pettirosso annunciare l’Inverno.

 

 

Pettirosso tra i rami, W. Vedruccio

Queste foto sono tratte dai post che lei stessa aveva scattato e pubblicato di questi tempi negli anni scorsi sul suo Gruppo Facebook, “Fra le scrasce con Wilma”, prima che la progressiva cecità non glielo avesse più permesso. La motivazione con cui Wilma è stata premiata a Giugno 2019 nel suo paese natale, Borgagne,  dalla giuria dell’Off Ortometraggi Film Festival  per il video realizzato dal regista Carlo Mazzotta “Fra le scrasce, passione di comunità” centra bene la sua sensibilità dicendo così: _ “per l’efficacia narrativa della protagonista che è riuscita ad appassionare la sua comunità, e non solo, verso la ricchezza e le varietà di piante nascoste nella terra”. E ancora, a Novembre 2019, Italia Nostra-Sud Salento ha omaggiato  la sua memoria con una targa per il suo impegno a difesa del territorio.

Grazie Wilma per il grande dono che ci hai fatto, Buon Natale da tutti noi!

   

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *