Melchiorre

 

ph L. Monte

Sono uno dei tre.
Sì, Re Magi ci hanno sempre chiamato.
Veniamo da lontano, un tempo lontano di millenni
Tanto che l’ho scordato.
La Cometa ci aiuta a non perdere la bussola
In questo nostro andare.
Sì, non è sempre la stessa cometa
ora l’una ora l’altra ci mostrano il cammino.

ph L. Monte

Riusciamo a cogliere i primi bagliori quando è ancora lontana
Così ne seguiamo il percorso sicuri che ci condurrà alla meta
Lì dove nasce il Figlio di Dio.
Senza la sua luce perderemmo la luce e la speranza
Troppo buio il cielo e lontane anni luce le stelle.
La strada è faticosa, certo
ma abitudini regali ci permettono di non perdere dignità                                                  e tener lontano lo sconforto.                                                                                                          Si vedono cose brutte intorno, tante
Ma i nostri occhi guardano in alto,
per non smarrire il filo di speranza,
certi che l’Amore non è sparito dal mondo
bisogna solo saperlo cercare.                                                                                                          I miei Fratelli Magi mi invitano ad andare,
loro preferiscono tacere,
convinti che non è con la millanteria che si realizza il progetto
ma con la costanza, un po’ di scienza e tanto tanto cuore.

Sì, portiamo dei doni!
No, niente di speciale, solo simboli,
simboli dovuti a quel Bambino…
oro incenso mirra, oro incenso mirra, oro incenso mirra.
Vedete, il loro nome scandisce il passo delle bestie…                                                 Oro incenso mirra, oro incenso mirra…

I doni dei Re Magi

 

tratto da Voci per un Presepe, testi di Wilma Vedruccio, musiche a cura di Rocco Nigro_Ed. Kurumuny

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *