Na “scrascia” nu “more” mai…

Mo te ndai scijuta senza nuddhru avvisu
versu la luce te lu paradisu…
e a nnui subbra a sta Terra ndai lassati,
comu orfani te mamma e cu lli cori “scrasciati”.

Ma gheu oju te immagginu felice
cull’Angeli, li Santi e tutti li paesani in Santa pace
ca ai girandu passu passu a Campi Elisi
suscitandu a ci te guarda ilarità e sorrisi.

“Ma ci ete quista quai,
se ddumandane stupiti,
ca guardanduse alli piedi
ae caminandu chianu chianu
cu llu tablet ddumatu
sempre a manu?”

“Ce ae facendu te ste parti,
a dru simu tutti morti,
sta cristiana istuta in modu stranu
cu la penna e lu taccuinu sempre a manu,
e fotografa ogni cosa,
farfalle, fiuri, frutti e chiante a iosa?”

“Ci ete sta signura ca ae
scrivendu nomi strani
e se appunta cu la penna tante cose
sull’erve, sulle chiante,
sulli fiuri e sulle rose?”

“A mie me pare ca l’aggiu ista
quand’era ancora in vita,
intra a na scola elementare
a dhru era la maestra preferita,
ca a modu sou
insegnava alli vagnoni
cu bessane te animu chiù bboni
e cu portane rispettu alla natura
pè na vita chiù sana e chiù sicura.”

“Si ..si.. nu tegnu dubbi la Wilma ete!
Ete propriu iddhra!!!
la fija te la Mema e de lu Pippi
ca stiane alla Spicchiuddhra.”

“”Ha scrittu puru libri
e cunti cu na bella morale
ca nvitane a pinsare
ca lu creatu è bellu
e l’imu conservare.”

Ntra n’attimu se crea na prucissione
te tanta gente ca già te ole bene
e a tutti te presenti cu nu bellu sorrisu
mentre sta pensi già cu faci
lu gruppu te le “Scrasce in Paradisu”.

Te immaginu cusì …..amica mia
leggiadra e luminosa comu na stella
ca te fiuru a fiuru uli leggera comu a na farfalla,
sulli campi gialli te elicrisu,
insieme allu gruppu te le ” Scrasce in Paradisu”.

Ciao Wilma.

di Giuseppe  Russo

(traduzione dell’autore dal Dialetto Salentino)

Una pianta di rovo non muore mai…
Adesso te ne sei andata senza nessun avviso
verso la luce del paradiso…
e a noi su questa terra ci hai lasciati,
come orfani di mamma e con i cuori “graffiati”.
 
Ma io voglio immaginarti felice
con gli Angeli, i Santi e tutti i tuoi paesani in Santa pace
che vai girando passo passo per i Campi Elisi,
suscitando in chi ti guarda ilarità e sorrisi.
 
“Ma chi è questa signora,
si domandano stupiti,
che guardandosi ai piedi
va camminando piano piano
con il tablet acceso
sempre in mano?”
 
“Cosa va facendo da queste parti,
dove siamo tutti morti,
questa persona vestita in modo strano
con la penna e il taccuino sempre in mano
e fotografa ogni cosa,
farfalle, fiori, frutti e piante a iosa?”
 
“Chi è questa signora che va
scrivendo nomi strani
e si appunta con la penna tante cose
sull’erbe, sulle piante, sui fiori e sulle rose?”
 
“A me sembra di averla vista
quand’era ancora in vita,
in una scuola elementare
dov’era la maestra preferita che,
a modo suo,
insegnava ai bambini
ad essere d’animo più buoni
e a portar rispetto alla natura
per una vita più sana e più sicura.”
 
“Si!…si!…non ho dubbi è la Wilma!
E’ proprio lei!!!
La figlia di Mema e di Giuseppe
che stavano alla masseria della “Specchiulla.”
 
“Ha scritto anche libri e racconti
con una bella morale
che invitano chi li legge a pensare
che il creato e bello e lo dobbiamo conservare.”
 
In un’attimo si crea una processione
di tanta gente che già ti vuole bene
e a tutti ti presenti con un bel sorriso,
mentre stai pensando già di fare
il gruppo delle “Scrasce in Paradiso”.
 
Ti immagino così… amica mia
leggiadra e luminosa come una stella
che vai di fiore in fiore come una farfalla,
sui campi gialli di elicriso
insieme al gruppo delle “Scrasce in Paradiso”.
 
 
Ciao Wilma