LO STIPO/ GLI STIPI

Screenshot_2015-09-17-21-39-28-1 FOTO DI LUIGI PAOLO PATI

Ricavato nella parete delle stanze, profondo un mezzo metro circa, lasciato senza cornice, a vista, intonacato a calce. La base poteva essere una chianca di  pietra calcarea. Diviso da uno o più ripiani di tavole incassate ai lati, imbiancate pur esse.

Si riponevano gli oggetti più disparati, a seconda delle stanze in cui stava.

In cucina era lo spazio ideale per tenerci la bottiglia dell’olio insieme a quella del vino e dell’aceto, il formaggio incerato, il barattolo del sale e quello dello zucchero, fungeva da credenza. Dietro, un po’ nascosta, una ciotolina coi candellini, dell’ultima sposa nel paese, per i piccoli di casa.  In un angolo il lume per la sera.

Fra tutti questo oggetti, a volte, era una cartolina o una foto di parenti lontani, certamente l’immaginetta della Madonnina e del Santo protettore. Piegato in un angolo il ventaglio comprato alla fiera di San Rocco. Contro il caldo e contro le mosche.

Nello stipo della stanza più importante, erano disposte in bella mostra le tazzulelle di caffè con il piattino, i bicchieri di vetro e i bicchierini per il rosolio. Erano decorati finemente, potevano addirittura venire da Murano, dono di un viaggio lontano, fatto in chissà più quali circostanze.

Fra essi prendevano posto le foto, il matrimonio dei genitori, la comunione della bambina,  le foto dei figli militari… Era incorniciato, a volte, da una fascia di pizzo fatto all’uncinetto o al telaio.

Nello stipo della camera da letto potevi avere delle sorprese, trovava posto la bottiglia dello sciroppo e le pastiglie contro il maldicenti, lo scatolino di latta con la siringa per le iniezioni,  il libretto delle preghiere, nero con una croce dorata sulla copertina, ma anche altri libri, vari nell’argomento, una finestra sul mondo che rimaneva lontano. C’era poi, un po’ discosta, la scatola con i ricordini e qualche castigato gioiello. Ricordini ? A ogni famiglia i suoi, i fiori di seta dell’acconciatura di nozze, la croce al merito del soldato di casa, le lettere, poche e preziose legate con un nastrino di raso.

Nello stipo del magazzino era la provvidenza, le capaseddhre, conservavano legumi e frutti secchi. Potevi trovare anche il rosolio o una bottiglia di vino invecchiato, il formaggio invecchiato e duro, duro anche per i topi, da grattugiare a Natale.  C’erano poi i vasetti pieni di semi per il prossimo orto e la provvista del miele in due tre vasetti di vetro.

Infine, nello stipo della stalla, si riponeva la linterna grassa d’olio e col vetro annerito dalla fiammata delle accenzioni della sera. Un coltello, una falce, la forfica per tagliare esuberanze dei peli delle bestie, la coda troppo lunga del cavallo o la lana di una pecora pronta al parto. Sul fondo, annerito anch’esso, l’immagine di Santu Liggiu (Sant’Eligio), protettore degli animali. Un bicchiere smaltato con l’orlo blu e il manico blu anch’esso era lì per ogni evenienza, un gomitolo di ferro filato e uno di spago.

Lo stipo, gli stipi per tenere pronti all’uso gli oggetti che scandivano le ore del giorno nelle diverse attività, contenitori senza pretese di passato e di storie.

Wilma Vedruccio

23/settembre/2015

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Pensieri in volo. Contrassegna il permalink.

Una risposta a LO STIPO/ GLI STIPI

  1. Luigi Paolo Pati scrive:

    una descrizione “capiente”, più dello spazio descritto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *