Le macro di Rocco

Bastava farci caso, tutto era stato già detto, il mondo lillipuziano ben descritto in un libro del diciasettesimo secolo.

È un’altra la visione del mondo, altro lo sguardo, bisogna adattare gli occhi alle cose minute e minuziose altrimenti vedi il mondo di sempre.
Proviamo a guardarci intorno con occhi nuovi… vedo sassi, rovi, qualche margherita e cespugli, tanti cespugli, vivi seppur bruciacchiati e anneriti dal fuoco.
Rocco no, lui ha già visto la “spiranthes spiralis” che sta per fiorire, piccola, minuta come filo d’erba. Ecco un’altra e un’altra ancora…ed il al massimo vedo cespuglietti di asperula aristata… mi prega di fare attenzione a dove poso i piedi col gambale…
I ciclamini li vedo anch’io, li ho sempre visti sotto la pineta, ma qui fra le bianche pietre, sulla serra, li vedo per la prima volta.
Ma la spiranthes no,  mi rimane proibita, mentre lui pare abbia la mappa delle pianticelle, le conta, le carezza, calcola il tempo per una completa fioritura.
A passo sicuro si aggira un muro a secco ed ecco Rocco intercetta una mantide dove io vedo solo una piantina secca di caccialepre !
La prende con mani sicure, la sposta su uno stelo secco di scilla, ne sollecita le zampine, la sottopone a un fuoco di fila di foto.
Si procede in un prato, una radura fra una selva di pietre,
Margheritine, funghi, chioccioline…ed ecco sotto i miei piedi la spiranthes spiralis che Rocco mi indica con l’indice !
Mi sento tanto come il protagonista dei viaggi di Gulliver,  un senso di straniazione e di inadeguatezza alla situazione.
Sbaglia chi crede che le macro naturalistiche siano frutto di una tecnologia “spietata”.
Prima ancora sono frutto di uno sguardo diverso, che io non ho.
Mi aggrappo con gli occhi di sempre alle rupi che s’affacciano al mare e guardo l’infinito laggiù.
Recupero il fiato perduto con l’aiuto del ritmo delle onde del mare.
Rocco intanto documenta l’escursione restituendo alle piante sulla parete l’identità  e le caratteristiche che ad occhio nudo rimangon nascoste.
Wilma V.
Ottobre 2016
received_1840213589544220
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri in volo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *